CAI Tortona

Vai ai contenuti

Menu principale:

Escursionismo

Attività

L’attività escursionistica è finalizzata alla corretta frequentazione degli ambienti naturali e alla loro conoscenza e conservazione. In oltre rappresenta un momento di aggregazione per tutti i soci della nostra sezione.

 

DOMENICA 15 LUGLIO 2018
ESCURSIONE
RIFUGIO ELISABETTA SOLDINI – VAL VENY

Partenza ore 6.30 p.zza Milano a Tortona
Chiusura Iscrizioni: SABATO 14.07 ORE 12.00
segreteria@caitortona.net – tel. 339-8262118

RIFUGIO ELISABETTA

difficoltà: T    [scala difficoltà]
esposizione prevalente:  Sud-Est
quota partenza (m): 1650
quota vetta/quota massima (m): 2195
dislivello salita totale (m): 550

località partenza: La Visaille (Courmayeur , AO )

La Val Veny è sempre fantastica e regala panorami grandiosi sull'Aiguille Noire de Peuterey, i ghiacciai e le vette del gruppo del Monte Bianco. Merita la disgressione al lago del Miage, un pò meno blu che in passato ma sempre spettacolare.
In alternativa si puo' raggiungere col sentiero n.2 il colle di Chavanne,oppure quello de la Seigne.

ESCURSIONE INTERSEZIONALE AL VALLONE DI CIME BIANCHE DOMENICA 22 LUGLIO
Per difenderlo da un progetto devastante
Ritrovo ore 8.30 a Saint Jaques

Cime Bianche, un meraviglioso vallone sovrastato a sinistra dalla Gobba di Rollin, ghiacciaio lucente che
sporge su alti strapiombi di roccia nera solcati dalle tante rigole d’acqua che alimentano la grande marcita
colonizzata da chiazze di piumini, e dal selvaggio ghiacciaio di Tzere che precipita dai severi picchi della
Rocca di Verra con un imponente seraccata. Questo lato della valle è segnato da un susseguirsi di dolci
dossi prativi solcati da un susseguirsi di ruscelli, nastri argentei ora ripidi e coperti di schiuma, ora
mollemente adagiati a formare ampie volute. L’altro lato della valle, chiuso dalle grandi pareti calcaree che
sostengono la bastionata della Rouasetta, è una vasta morena formata dai ripetuti crolli, in singolare
contrasto con il tenero verde dei pascoli del lato sinistro. La testata della valle è chiusa da tre grandi denti
calcarei, la Gran Sometta, il Bec Carrè, la PointeSud che, risaltando nettamente sulle circostanti rocce
ofiolitiche, danno il nome al vallone. Queste “Cime Bianche” originano da un raro affioramento calcareo
risalente al Triassico, l’era più antica del Mesozoico. Qui si trovano gli unici fossili della Val d’Aosta, tra cui
alcuni rarissimi coralli.
Ma l’importanza del Vallone di Cime Bianche non è solo legata alle sue straordinarie caratteristiche
geologiche e paesaggistiche, essendo stato nelle varie epoche al centro di varie attività dell’uomo. All’inizio
del XV sec. gli Challant, al fine di rendere più fertili i pascoli e i campi dell’alta Val d’Ayas fecero costruire il
Ru Courtod, canale lungo 25 km., che prendendo l’acqua di fusione del ghiacciaio di Ventina con percorso a
mezza costa la portò attraverso il Col de Joux fino agli alpeggi della vallata di Saint Vincent.
Inoltre fino alla piccola glaciazione del ‘600 il sentiero della valle era frequentato da mercanti e pastori che
trasportavano merci e bestiame tra il Vallese e le valli a sud del Monte Rosa lungo quello che è stato
definito il Grande Sentiero Walser.
Infine, presso l’Alpe Varda, nella parte bassa del vallone, sono ancora ben visibili i resti del villaggio dei
cavatori che estraevano dal locale affioramento la pietra ollare che, opportunamente scavata e tornita,
forniva ai valligiani i paioli normalmente usati per cucinare.
Questo Vallone, con il suo prezioso patrimonio di natura e storia è rimato fino ad oggi, unico tra i valloni
dell’alta Val d’Ayas, indenne da impattanti strade bianche e dalla devastazione degli impianti sciistici; ma
ora incombe molto concreta la minaccia di realizzazione di un progetto, di cui da tempo si parlava, di
collegamento sciistico con il comprensorio di Cervinia attraverso il Colle di Cime Bianche.
Ovviamente il CAI, il cui statuto all’art. 1 sancisce lo scopo di tutelare l’ambiente naturale delle montagne,
si oppone a questa devastazione. Considerato che il modo migliore per difendere un luogo è conoscerlo e
frequentarlo, la nostra Intersezionale Alessandria – Asti organizza per domenica 22 luglio un escursione in
questo vallone. Si uniranno alle nostre Sezioni anche i soci delle sezioni Valdostane ,ed in particolare di
Verres. Altre Sezioni Piemontesi hanno manifestato la volontà di aderire a questa escursione – evento in
difesa di Cime Bianche, che auspichiamo ci veda molto numerosi.
Sono previste 2 mete con partenza da Saint Jaques: saliti per comoda mulattiera all’antico albergo di Fiery,
quindi con spettacolare mulattiera a fianco della cascata, all’imbocco del pittoresco e nascosto valloncello
di Tzere, sotto le incombenti bastionate della Rocca di Verra e il grande salto d’acqua dell’omonima
cascata, si prosegue fino a sbucare sulla dorsale sinistra del vallone di Cime Bianche in corrispondenza
dell’Alpe Mase (m. 2.407 disl m. 700). A questo punto è prevista la possibilità di scendere, con percorso ad
anello, all’Alpe Varda, presso la cava di pietra ollare, con ritorno a Fiery – Sain Jaques, o di continuare la
salita del Vallone fino al Gran Lago (m. 2.810) e, volendo, al sovrastante Colle Superiore di Cime Bianche (m.
2.896 disl. m. 1.190) con spettacolare panorama sul Cervino, ma anche sulla desolante devastazione di
pietraie e rottami che, scioltasi la neve, lasciano le piste di Cervinia. Il ritorno potrà avvenire lungo il
sentiero di salita, passando per l’Alpe Varda oppure, traversando sotto le Cime Bianche la testata della
valle, lungo il morenico versante destro, per tracce di sentiero, che a tratti anche scompaiono, con la
possibilità di conoscere a fondo i diversi ambienti di questo vallone davvero unico, che ci impegniamo a
preservare nella sua naturale integrità.
Enrico Bruschi
Sezione di Casale Monferrato


 

25/28 agosto Val di Fiemme e Fassa
Programma

1° giorno:
ritrovo ore 5.45 in p.zza Milano a Tortona – partenza ore 6.00
arrivo a destinazione
escursione:
Passo Rolle – Tognazza – Cavallazza Piccola – Cavallazza – laghetti al Colbricon
In serata sistemazione in hotel

2° giorno:
Passo San pellegrino – via attrezzata Bepi Zac – Rifugio Fuciade (possibilità, per chi non volesse percorrere la via attrezzata, di raggiungere il rifugio per sentiero normale)
In serata rientro in hotel

3° giorno:
Parco naturale di Paneveggio ed escursione

4° giorno:
Passo Lavatzé e Lago Lavatzé
Nel pomeriggio rientro a Tortona

Consigliato portare imbrago – casco e kit ferrata

PREADESIONI, NON VINCOLANTI, ENTRO 8 LUGLIO
CONFERME DEFINITIVE ENTRO 14 LUGLIO CON VERSAMENTO CAPARRA

Info e iscrizioni:
segreteria@caitortona.net
tel. 339-8262118


RIFUGIO MONZINO


IL CAI DI TORTONA ORGANIZZA UNA DUE GIORNI AL RIFUGIO MONZINO NELLE DATE DEL 14 E 15 LUGLIO 2018.
CHIUSURA ISCRIZIONI GIOVEDI’ 5 LUGLIO CON VERSAMENTO CAPARRA DI CONFERMA DEL 50%
info e iscrizioni:
segreteria@caitortona.net – tel. 339-8262118

Il rifugio Monzino (2590 m), molto bello e poco frequentato è un punto di osservazione eccezionale sui versanti più 'nobili' del Monte Bianco.
Il dislivello complessivo è di circa 1000 metri inclusi i 200-300 di ferrata vera e propria.
Risistemata nel 2008 ora l'antica catena degli anni '60 è stata sostituita da metri di acciaio e centinaia di gradini per rendere l'accesso decisamente più facile di un tempo.
Imboccata con l'auto la Val Veny si prosegue poco oltre la località Zerotta e si incontra il bivio che conduce ai casolari di Freiney. (1589 mt.). Da qui, proseguire a piedi, sulla strada sterrata principale, seguendo le prime indicazioni per il rifugio Monzino ed oltrepassando due ponti sulla Dora di Veny. Pochi metri oltre il secondo ponte, sulla sinistra della strada (in corrispondenza di un pannello naturalistico), si stacca il sentiero che si addentra nel bosco e risale la sinistra orografica della Val Veny. All'uscita del bosco proseguire su un breve tratto di pietraia superando i torrenti che scendono dal ghiacciaio del Freney.
Raggiunto in incrocio contraddistinto dalla presenza di una palina segnavia, proseguire verso destra (ignorando quindi il bivio per il Lago delle Marmotte) in direzione del contrafforte roccioso sul quale il Rifugio Monzino è ben visibile. Dirigendosi verso l'Aiguille du Chatelet, il sentiero risale un primo tratto roccioso, sul quale si incontrano un primo tratto attezzato, per poi proseguire sul prato che conduce al vero tratto attrezzato e impegnativo. Il primo salto roccioso presenta subito un tratto molto ripido che risale
un canalino. La via ferrata risale il contrafforte roccioso fino a raggiungere un pianoro. Qui si riprende il sentiero che conduce al secondo salto roccioso attrezzato, molto meno impegnativo del precedente. Superato anche questo, si procede sull'ultimo prato che conduce al rifugio Monzino. (2580 mt.). Dal rifugio è imponente la vista dell' Aiguille Croux che divide il ghiacciaio di Breuillat da quello di Freney, sovrastato dall'Aiguille Noire. Spostando lo sguardo sull'alta Val Veny è possibile invece vedere: Il lago di Combal, il lago del Miage e in lontananza il rifugio Elisabetta.
Tempi: La metà del dislivello totale dell'itinerario si sviluppa su parete rocciosa attrezzata, pertanto i tempi di durata dipendono
dall'esperienza dell'escursionista.
Difficoltà: (EEA) Escursionisti Esperti - Tatti attrezzati su pareti rocciose
Ferrata: (PD) Poco difficile ma con alcuni tratti ripidi ed esposti.
- Fontanile: Nessuno. Solo acqua di torrente o Bar Promotton in loc. Freney
- Bastoni trekking utili sui tratti di sentiero
- Procedere con Imbrago e Kit Ferrata nel tratto attrezzato
Presenza di vie di arrampicata per chi non volesse fare la ferrata.
Programma:
sabato 14 luglio 2018
partenza ore 05.15 da piazza Milano a Tortona oppure ritrovo ore 08.00 al bar Promotton in loc. Freney
salita al rifugio
pranzo a carico dell’escursionista
resto della giornata a disposizione dell’escursionista
cena e pernotto
domenica 15 luglio
mattina possibilità di praticare vie di arrampicata di vari livelli, una nuova ferrata, uscita su ghiacciaio
pranzo a carico dell’escursionista
pomeriggio rientro a Tortona

DOMENICA 17 GIUGNO
SENTIERO ANELLO DI SAN LUCA (sentiero n° 559)
San Luca, piccola frazione di Molare, è posta a circa 500 mt. s.l.m.,
immersa nel verde dell’Alta Valle Orba, al confine con la regione Liguria.

Difficoltà
Escursionistico
Lunghezza
11,01 km
Tempo
3 Ore 30 Minuti
Pranzo al sacco
Ritrovo e partenza: ore 8.00 piazza Milano a Tortona
Chiusura iscrizioni: venerdì 15 giugno ore 20.00
segreteria@caitortona.net     -   tel. 339-8262118

DOMENICA 27 MAGGIO
"5 MINUTI ALLA PARTENZA!"
seconda edizione

su e giù per i colli di Coppi in mountain bike, a piedi, con bici d'epoca

info e adesioni:
per la camminata
: 339-8262118
ritrovo ore 8.30 presso la casetta di Costa Vescovato
per la MTB : 339-4452644
ritrovo ore 9.00 presso la casetta di Costa Vescovato
per le bici d'epoca: 335-6658119
ritrovo ore 10.00 piazza Malaspina a Tortona

Chiusura adesioni:
mercoledì 23 maggio

Dal 9 al 16 Giugno. Sardegna con base Piana del Golgo.


IL CAI DI TORTONA
ORGANIZZA
DAL 9 AL 16 GIUGNO 2018
"UNA SETTIMANA DI ESCURSIONI TRA MARE E MONTAGNA
NELLO SPLENDIDO SCENARIO DEL TERRITORIO DI BAUNEI"

PROGRAMMA
1° giorno 09/06
TISCALI
Arrivo a Olbia.
Transfert a Oliena (Lanaittu)
Alla fine della valle si sale a piedi verso la montagna e attraversando una stretta fenditura nella roccia
si raggiunge il suggestivo villaggio di Tiscali.
Pranzo al sacco lungo il percorso
Proseguimento a piedi fino alla località Surtana
Trasferimento in fuoristrada a Golgo
Cena e pernottamento
Tempo di percorrenza: h. 4 circa.
Dislivello in salita mt 370
in discesa mt350
Grado di difficoltà: EE
2° giorno 10/06
ISPULIGIDENIE (Cala Mariolu)
Partenza a piedi per Ispuligidenie fino alla località Serra Lattone.�
Raggiungiamo uno spettacolare arco di roccia calcarea (foto), e attraversando una scala di ginepro sospesa nel vuoto, antico passaggio dei pastori di Baunei, ci inoltriamo nella foresta di lecci che sovrasta la costa., con alcuni rari esemplari di carpino nero. Pranzo al sacco e sosta nella spiaggia.�
Nel pomeriggio rientro a pedi a Golgo
Cena e pernottamento al Rifugio
Tempo di percorrenza: circa 4 ore.�
Grado di difficoltà: EE�
Dislivello: in salita 750 mt, in discesa 750 mt.
3° giorno 11/06
GOLA DI GORROPU
Partenza in fuoristrada per Genna Silana
Proseguimento a piedi per Gorropu che raggiungiamo attraversando un bosco di lecci secolari.
Visita dell’omonima Gola, un’impressionante canyon scavato nel
tempo dal Rio Flumineddu
Pranzo al sacco lungo il percorso
In serata rientro a piedi ai fuoristrada e rientro a Golgo Cena e pernottamento a Golgo
Tempo di percorrenza: circa 5 h.
Grado di difficoltà : E
Dislivello: in salita 750 mt; in discesa 750 mt
4° giorno
12/06
Partenza in pullman
Visita in autonomia a Orgosolo - Mamoiada - Oliena - Dorgali
Rientro al Rifugio
Cena e pernottamento
5° giorno 13/06
PORTU CUAU
Partenza a piedi passando dal nuraghe Coe Serra, fino a raggiungere la cresta di Irbiddossili, da qui ci si addentra a piedi nel canalone di Bacu Maore il paesaggio, fantastico, si apre tra alte pareti calcaree, è suggestivo per la sua tortuosità. Lungo il percorso si può ammirare la Guglia chiamata “ Sa Pedra Longa” e un arco di roccia. La discesa continua fino a quando l’ultima coda del “Bacu” conduce a Portu Cuau e con 15 minuti in più si può raggiungere Portu Pedrosu.
Pranzo al sacco e sosta nella caletta
Nel pomeriggio rientro in gommone a Santa Maria Navarrese.
Rientro in fuoristrada a Golgo
Cena e pernottamento
Tempo di percorrenza: circa 5 ore.�
Grado di difficoltà: EE�
Dislivello: in salita 250 mt, in discesa 650 mt.
6° giorno 14/06
Colazione
Consegna pranzo al sacco
ESCURSIONE IN AUTONOMIA A CALA GOLORITZÈ
Cena e pernottamento al Rifugio
7° giorno 15/06
PEDRA LONGA
Partenza in fuoristrada per la località Tenosili . Proseguimento a piedi passando dalla Località Us Piggius, punto panoramico che si affaccia su Pedra Longa (foto). Imbocchiamo la stretta e panoramica Cengia Giradili che aggira la falesia e scendiamo fino a Pedra Longa.
Pranzo al sacco presso la sorgente Forrola e sosta nella spiaggia.
Nel pomeriggio rientro a Golgo in fuoristrada
Tempo di percorrenza: circa 3 ore.
Grado di difficoltà : E
Dislivello: in salita 150 mt, in discesa 650 mt;
8° giorno 16/06
Trasferimento a Oliena (Valle di Lanaitto) e visita alle Grotte di Sa Oche e la Grotta Corbeddu, (Vi consiglio la Grotta Corbeddu al posto di Su Bentu perché è la grotta dove sono state trovate le più antiche attestazioni del genere umano in Sardegna)
Visita a Su Gologone con sosta per la visita della famosa sorgente.
Pranzo al sacco
Proseguimento per Olbia.
Partenza

SI CHIEDE GENTIMENTE ALLE PERSONE INTERESSATE ,
AL FINE DI ORGANIZZARE AL MEGLIO IL TREKKING,
DI COMUNICARE ENTRO IL 12 GENNAIO UN LORO
POSSIBILE INTERESSAMENTO CHE NON SARA’
IMPEGNATIVO MA SOLO INDICATIVO.
IL PROGRAMMA DETTAGLIATO ED I RELATIVI COSTI
VERRANNO INVIATI FACENDONE RICHIESTA A:

segreteria@caitortona.net
tel. 339-8262118

TREKKING DA SOGNO
ISOLE EOLIE
15 - 22 SETTEMBRE 2018
ANCORA DISPONIBILI 3 POSTI
INFO: GIULIO 348 – 2308925

PROGRAMMA:

15 settembre 2018
Ore 10, 30 ritrovo aeroporto di Catania
Ore 11,00 Partenza con Bus privato per Milazzo
Ore 12,30 Circa arrivo a Milazzo … panino … arancini ecc..
se possibile visita al Castello
Ore 15,10 Imbarco per Lipari con Aliscafo
Ore 16,10 Trasferimento con pulmino
                    alla casa che ci ospiterà durante il soggiorno
                    sistemazione nelle camere …. Riposo…..
Ore 19, 30 Lipari…. e per chi desidera …Aperitivo (non
                      compreso) e cena nel ristorante che ci ospiterà per tutta la
                     vacanza. Cucina Eoliana…..
                     Cercherò di far comprendere anche il vino.
                     Io lo conosco….. si mangia molto bene…..
                     Se poi una sera ci vorremo strafogare di pesce vedremo
di concordare un piccolo extra……
Dopo cena eventuale passeggiata ma io consiglierei di prendere il
nostro pulmino e rientrare a dormire per essere pronti all’indomani per bagni e escursioni.
Il programma che seguirà è indicativo in funzione del mare e del vento,
ed eventualmente sarà modificato in base alle condizioni Meteo
16 settembre
Ore 08,00 sveglia e colazione
Ore 09,30 Lipari marina corta
Ore 10,15 partenza con barca privata per il giro di Lipari con
                    soste nei punti più suggestivi per bagni e riposo
                    Pranzo di mezzogiorno al sacco … cestino messo a disposizione
                    dell’organizzazione.
Ore 17, 00 Rientro e trasferimento in pulmino nei nostri alloggi
Ore 19,30 Trasferimento a Lipari per Aperitivo e Cena
Ore 22,00 Rientro e nanna
17 settembre
Ore 08,00 sveglia e colazione
Ore 09,30 Lipari
Ore 10,00 partenza con barca privata per Salina.
                    Visita di Salina e Pollara dove è stato girato il film Il Postino
                    Salita alla fossa delle felci                      
                    Bagni e giro in barca dell’isola
                    Pranzo di mezzogiorno al sacco … cestino messo a disposizione
                    dell’organizzazione.
Ore 17, 00 Rientro e trasferimento in pulmino nei nostri alloggi
Ore 19,30 Trasferimento a Lipari per Aperitivo e Cena
Ore 22,00 Rientro e nanna
18 settembre
Ore 07,00 sveglia e colazione
Ore 08,00 Lipari marina corta
Ore 08,25 partenza con barca privata per Vulcano
                    Salita in cima a Vulcano …. Circa 4 ore tra salita soste e discesa
                    500 mt di dislivello circa.
                    Pranzo di mezzogiorno al sacco … cestino messo a disposizione
                    dell’organizzazione.
                    Bagno nelle acque sulfuree e percorso idromassaggio
                    in piscina.
Ore 14, 00 Giro dell’isola e rientro
Ore 19,30 Trasferimento a Lipari per Aperitivo e Cena
Ore 22,00 Rientro e nanna
19 settembre
Ore 07,30 Sveglia e colazione
Ore 08,30 Lipari marina corta
Ore 09,00 Partenza con barca privata per Panarea
                    Visita a Panarea
                    Pranzo di mezzogiorno al sacco … cestino messo a disposizione
                    dell’organizzazione.
                    Bagni e giro in barca dell’isola
Ore 16, 30 Rientro e trasferimento in pulmino nei nostri alloggi
Ore 19,30 Trasferimento a Lipari per Aperitivo e Cena
Ore 22,00 Rientro e nanna
20 settembre
Ore 08,30 sveglia e colazione
Ore 10,00 mattinata libera per visita
                    Lipari … Rocca e Museo
Ore 15,00 circa partenza per Stromboli
                    Visita a Stromboli
                    verso le 19,00 salita a Stromboli
                    Rientro a Lipari verso le 2,00
                    Pulmino e nanna
21 settembre
Ore 7,00 sveglia e colazione
Ore 8,30 Lipari marina corta
Ore 9,00 Partenza con barca privata per Filicudi
Visita di Filicudi salita alla cima di Filicudi … bagni eccc
Ore 17, 00 Rientro e trasferimento in pulmino nei nostri alloggi
Ore 19,30 Trasferimento a Lipari per Aperitivo e Cena
Ore 22,00 Rientro e nanna
22 settembre
Ore   8,30 sveglia e colazione
Ore   9,30 Lipari ultimi acquisti
Ore 10,55 Aliscafo per Milazzo
Ore 12,00 arrivo a Milazzo pranzo al sacco
Ore 12,30 partenza per Catania con Bus privato
Ore 14,00 arrivo a Areoporto Catania


Torna ai contenuti | Torna al menu